Dall Impero Ottomano Alla Nuova Turchia Book PDF, EPUB Download & Read Online Free

Dall'impero ottomano alla nuova Turchia
Author: Anna Maria Porciatti
Publisher: Alinea Editrice
ISBN:
Pages: 377
Year: 1997
View: 547
Read: 380

Storia della Turchia
Author: Alberto Fabio Ambrosio, Lea Nocera
Publisher:
ISBN:
Pages: 279
Year: 2016
View: 1247
Read: 1231

Great Powers and Geopolitical Change
Author: Jakub J. Grygiel
Publisher: JHU Press
ISBN: 0801889618
Pages: 280
Year: 2008-03-01
View: 710
Read: 679
In an era of high technology and instant communication, the role of geography in the formation of strategy and politics in international relations can be undervalued. But the mountains of Afghanistan and the scorching sand storms of Iraq have provided stark reminders that geographical rea`lities continue to have a profound impact on the success of military campaigns. Here, political scientist Jakub J. Grygiel brings to light the importance of incorporating geography into grand strategy. He argues that states can increase and maintain their position of power by pursuing a geostrategy that focuses on control of resources and lines of communication. Grygiel examines case studies of Venice, the Ottoman Empire, and China in the global fifteenth century—all great powers that faced a dramatic change in geopolitics when new routes and continents were discovered. The location of resources, the layout of trade networks, and the stability of state boundaries played a large role in the success or failure of these three powers. Grygiel asserts that, though many other aspects of foreign policy have changed throughout history, strategic response to geographical features remains one of the most salient factors in establishing and maintaining power in the international arena. -- Geoffrey Sloan
Supplemento alla sesta edizione della Nuova enciclopedia italiana
Author:
Publisher:
ISBN:
Pages:
Year: 1899
View: 655
Read: 1088

Terra ribelle. Viaggio fra i dimenticati della storia turca
Author: Christopher de Bellaigue
Publisher: EDT srl
ISBN: 8860406889
Pages: 317
Year: 2011
View: 587
Read: 208

Lettere sulla Turchia o quadro statistico, religioso, politico... dell'impero ottomano
Author: Zappert (Francesco)
Publisher:
ISBN:
Pages: 527
Year: 1853
View: 190
Read: 1120

L'Impero ottomano e la Grande Guerra
Author: Roberto Sciarrone
Publisher: Edizioni Nuova Cultura
ISBN: 886812520X
Pages: 470
Year: 2015-07-09
View: 781
Read: 601
Il ruolo ricoperto dall’Impero ottomano nel corso della Prima guerra mondiale e le operazioni belliche affrontate su più fronti sono generalmente trascurate dalla ricca storiografia di questo conflitto, tuttavia alcuni eventi come le battaglie a Gallipoli, sul Caucaso e in Medio Oriente influenzeranno parte delle vicende politiche del dopoguerra. Agli inizi del XX secolo l’Impero ottomano presentava diverse affinità con quello austro-ungarico, entrambi infatti costituivano degli organismi multinazionali, un insieme di popoli ostili l’uno all’altro e tutti, o quasi, all’autorità centrale. L’Impero ottomano possedeva inoltre due obiettivi strategici bramati dalle potenze europee dell’epoca, la città di Costantinopoli e gli Stretti. L’Impero era un organismo in piena decadenza, agitato da gravissime crisi interne dovute ai conflitti tra i diversi gruppi etnici e alle lotte di potere tra l’establishment politico e militare. A compromettere la struttura imperiale di Costantinopoli fu anche la rivoluzione dei Giovani Turchi nel 1908, l’economia e la finanza al collasso – tant’è che le potenze europee ne requisirono la gestione tramite l’istituzione del Debito Pubblico – e le disastrose campagne militari contro l’Italia nel 1911 e nei Balcani che causarono la perdita dei territori europei. La domanda che questo saggio si pone è: fino a che punto i leader ottomani si resero conto che si sarebbero trovati coinvolti in una guerra mondiale combattuta su più fronti che avrebbe decretato la parola “fine” all’Impero? Lo studio si articola illustrando i temi principali del primo biennio di guerra (1914-1915) attraverso le carte dell’Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito italiano e i Documenti diplomatici italiani, e analizza il dibattito in Italia e in Turchia sulle scelte politiche di un conflitto che fino al 1917 sarà ristretto all’ambito europeo. L’Impero ottomano visto e vissuto da un uomo che trascorse gran parte della sua vita a Est della penisola italiana (Ernesto Mombelli, addetto militare italiano a Costantinopoli) la cui storia si intrecciò con le gesta del “brillante” generale Mustafa Kemal, fondatore e primo presidente della Turchia (1923-1938). Dal Mar Nero all’Hegiaz, da Turbah nello Yemen a Bassora in Iraq, da Suez in Egitto a Kars nel Caucaso, dalla battaglia di Sarıkamış a Tabriz in Persia, dal massacro degli armeni allo sbarco a Gallipoli, da Kut al-Amarah in Mesopotamia a Seddülbahir, dalla spiaggia di Suvla allo sbarco a Salonicco. Questi i luoghi che attraverseremo rivivendone le storie e i protagonisti tramite il racconto degli addetti militari e dei diplomatici italiani con la speranza di non “cadere” nella trappola della soggettività e, invece, originare una briciola di inedita originalità in un panorama già ricco di contributi.
La Turchia bussa alla porta
Author: Carlo Marsili
Publisher: EGEA spa
ISBN: 8823872421
Pages: 292
Year: 2011-03-11T00:00:00+01:00
View: 1333
Read: 1068
Anche per via della lingua - sconosciuta a pressoch tutti gli italiani (non si dice alternativamente parlo arabo? o parlo turco?) - la Turchia resta nel nostro immaginario collettivo un paese in gran parte sconosciuto, affidato a luoghi comuni fuorvianti. Chi meglio di Carlo Marsili, ambasciatore in Turchia dal 2004 al 2010, ha le carte in regola per farci scoprire questo paese e le sue contraddizioni? Dalle minoranze etniche alla condizione femminile; dalle contraddizioni dell'islamismo moderato alla questione armena; dalla stratificazione sociale alla classe politica e ai partiti; ai mezzi di comunicazione e alla lotta per la libertà di stampa, al ruolo dell'esercito e alla politica interna ed estera; sino ai capitoli finali, dedicati a come i turchi vedono gli europei, allo sviluppo economico, e alla presenza italiana: ricco di aneddoti ed episodi vissuti in prima persona, il libro dà finalmente un quadro realistico e privo di pregiudizi della Turchia d'oggi. E ci spiega anche perché un'Unione Europea senza la Turchia sarebbe inevitabilmente destinata a un ruolo di secondo rango rispetto non solo a Stati Uniti e Cina, ma anche a India, Brasile e altre potenze emergenti.
Ebraismo e rapporti con le culture del Mediterraneo nei secoli XVIII-XX
Author: Martino Contu, Nicola Melis, Giovannino Pinna
Publisher: Casa Editrice Giuntina
ISBN: 8880571834
Pages: 248
Year: 2003
View: 680
Read: 1220


L'Italia all'estero rivista di politica estera e coloniale
Author:
Publisher:
ISBN:
Pages: 35
Year: 1908
View: 314
Read: 1004

Nuova antologia
Author: Francisco Protonotari
Publisher:
ISBN:
Pages:
Year: 1908
View: 560
Read: 1222


Gazzetta ufficiale del regno d'Italia
Author: Italy
Publisher:
ISBN:
Pages:
Year: 1897
View: 1182
Read: 1123

The Establishment of the Balkan National States, 1804-1920
Author: Charles Jelavich, Barbara Jelavich
Publisher: University of Washington Press
ISBN: 0295803606
Pages: 374
Year: 2012-09-20
View: 334
Read: 1239
This highly readable and thoroughly researched volume offers an excellent account of the development of seven Balkan peoples during the nineteenth and the first part of the twentieth centuries. Professors Charles and Barbara Jelavich have brought their rich knowledge of the Albanians, Bulgarians, Croatians, Greeks, Romanians, Serbians, and Slovenes to bear on every aspect of the area�s history--political, diplomatic, economic, social and cultural. It took more than a century after the first Balkan uprising, that of the Serbians in 1804, for the Balkan people to free themselves from Ottoman and Habsburg rule. The Serbians and the Greeks were the first to do so; the Albanians, the Croatians, and the Slovenes the last. For each people the national revival took its own form and independence was achieved in its own way. The authors explore the contrasts and similarities among the peoples, within the context of the Ottoman Empire and Europe.